venerdì 12 gennaio 2018

IL MINISTRO-OMBRA

L'uomo in foto, si è scoperto poche ore fa, è stato il ministro del Lavoro dell'ultimo governo Renzi.
Carlo De Benedetti, famoso imprenditore italiano implicato in un gran numero di vicende poco chiare della storia economica e finanziaria del nostro paese, è accusato di aver saputo in anticipo dallo stesso presidente del Consiglio del disegno di legge sulle Popolari, venendo così messo in condizione di realizzare un grosso guadagno in Borsa.
A causa di quest'accusa, De Benedetti è stato ascoltato dalla Consob. Le sue dichiarazioni sono riportate in un articolo de IlSole24Ore. Io non voglio soffermarmi troppo sulla vicenda delle Popolari, su cui la magistratura dovrà fare chiarezza. Mi limito a dire che sarebbe gravissimo se una delle massime cariche dello Stato si fosse resa complice di un reato finanziario a vantaggio di un imprenditore.
Delle dichiarazioni di De Benedetti mi ha impressionato la parte relativa al Jobs Act, la principale riforma del lavoro varata dal governo Renzi. Senza giri di parole, De Benedetti racconta come il Jobs Act sia stato da lui suggerito all'ex presidente del Consiglio, aggiungendo che Renzi è a lui molto grato perché questa riforma "è l'unica cosa che gli è stata poi riconosciuta". 
Al di là di quelli che sono i pareri sull'efficacia del Jobs Act, che ha precarizzato il già precario mondo del lavoro (e la cosa torna, visto che l'ha suggerito un imprenditore), emerge una realtà agghiacciante. La principale riforma del lavoro varata nel nostro paese non è nata da una consultazione con le parti sociali o da uno studio, bensì dal consiglio di un imprenditore dal passato oscuro. Mentre noi lavoratori credevamo che il nostro destino venisse deciso dalle parti incaricate di farlo (sindacati in nostra rappresentanza, Confindustria in rappresentanza degli imprenditori e il governo), questo invece veniva delineato a colazione da un personaggio che muoveva i suoi fili nell'ombra. Vista poi quella che fu la genesi della riforma, è evidente che nei suoi contenuti questa non fosse mai stata contenuta nei programmi del PD e del governo, stupisce quindi ancor di più il fatto che in Parlamento sia stata approvata senza battere ciglio.
Quella che si è scritta oggi è l'ennesima pagina poco gloriosa della storia del nostro paese. Io credo che si dovrebbe indagare per scoprire quale ruolo abbia effettivamente ricoperto De Benedetti nel governo Renzi. Anche se dovesse emergere che nulla di illegale è stato compiuto, è comunque giusto che i cittadini sappiano chi effettivamente li ha governati negli ultimi anni.

Francesco Abate

Nessun commento:

Posta un commento